Dedicato a quelli che… si meritano Del Neri, Secco e Cobolli Gigli vari

Dedico questo breve post ai purtroppo tanti tifosi bianconeri che osano criticare una squadra che ha ottenuto 60 punti su 69, con 9 punti virtuali di vantaggio sulla seconda (che, di suo, sta facendo un campionato fantastico).

Quelli che criticano Conte perché non riesce a trasmettere la doverosa grinta alla squadra; perché ha fatto comprare alla società presunti bidoni quali Giovinco, Peluso, Padoin, Anelka, Bendtner.

Quelli che criticano la società perché anche nel mercato estivo ha comprato solo Tevez, Llorente e Ogbonna, spendendo meno dell’Inter e, ancora quelli che continuano a criticarla perché è stato venduto Giaccherini e stava per essere venduto Vucinic e invece i soliti Padoin, Peluso e Giovinco non vengono neanche messi sul mercato.

Quelli che fin quando gli Elkann non si decidono a comportarsi come i loro colleghi sceicchi e oligarchi (o magnate indonesiani) in Europa non vinceremo mai.

Quelli che criticano Tevez perché osa indossare la maglia di Del Piero; Vidal perché ha sbagliato due partite consecutive, Llorente perché è lento, Bonucci perché regala il pallone agli avversari, Chiellini che è scorretto, Pogba troppo giovane, Buffon e Pirlo troppo vecchi, Lichsteiner troppo svizzero.

A tutti voi, colleghi tifosi gobbi, dedico un sentito “andate a quel paese“. Voi, che vi si sente e legge sui social network nelle rare occasioni in cui la Juve perde o pareggia (e, per fortuna nostra, ci siamo fatti la bocca talmente buona che un pareggio viene assimilato ad una sconfitta), non meritate questa squadra, questi giocatori, questo mister.

Voi meritate di avere come allenatore un Del Neri, un Ranieri o un Ferrara qualunque, gente che non riesce a gestire gli equilibri tra i giocatori, che si fa mettere sotto dalla leadership di un giocatore; con una squadra senza personalità, che ne prende due in casa dal Catania e che non onora la maglia che indossa. Senza uno straccio di idea di gioco.

JuventusVoi meritate Secco, quello che prima raccoglieva le borracce e poi è diventato nientepopòdimenoche il nuovo Moggi; oppure Cobolli Gigli, quello che voleva la Juve simpatica. E, ancora, i mega contratti a Iaquinta, Amauri, Grosso.

Voi meritate una società che spenda e spanda fino a portare al dissesto finanziario la sua proprietà, come se non comprendeste che il calcio oggi è cambiato, che alla lunga gli sceicchi cambieranno giochino (e magari l’Uefa riuscirà a far rispettare le regole sul Fair Play Finanziario) e in piedi resteranno solo le società capaci di vincere, per citare John Elkann, lo scudetto del bilancio prima ancora che quello sul campo.

Voi non meritate la Juve di oggi nè quella dell’altro ieri. Meritate la Juve di ieri, quella che sembrava incapace di riprendersi dalla morte dei fratelli Agnelli e da tutto il caos che ha regnato nella famiglia prima della crescita di John Elkann; quella che costringeva la proprietà a robuste iniezioni di denaro che però portarono soltanto a due settimi posti consecutivi. Quella che c’era prima che arrivasse Andrea alla presidenza, Marotta in cabina di regia e Conte, soprattutto Conte, in panchina.

A noi lasciateci godere della Juve di oggi. Che si vinca o che si perda, #FinoAllaFine.

 

Comments

  1. nicocristofaro@alice.it says

    Bravo a chi ha scritto questo.sono orgoglioso di aver sentito qualcuno dire una grande verità. Grazie e cmq forza juve sempre.

  2. Massimo says

    Non sono d’accordo con te…non si tratta di criticare la Juve, tanto di cappello, ma di vedere nell’ultime prestazioni (anche con i merdazzurri), un calo, e una mancanza di quella grinta che di solito ha contraddistinto la truppa Conte.
    I giocatori scarsi o meno in altre squadre da noi hanno sempre dato e ottenuto il massimo.
    essere Juventino non significa per forza avere i paraocchi e dire non sbagliamo mai…..

  3. Cedolia Robero says

    Tu o chi per te non avete il diritto di interpretare e condannare tifosi liberi di avere un parere e di tifare come meglio credono.
    Tu pensi che basta vincere scudetti per essere l disopra delle critiche costruttive di gente che non manda giù che la primo arrivato si prenda la 10 de una leggenda assoluta scaricata come uno scaldabagno rotto per poi prrendere il bidone anelka,che non manda Giù che quagliarella e marchisio vengano messi ai margini, che non manda giù che in europa si prendano schiaffoni, che non manda giù che giovinco sia ancora qui non meritandolo e dopi aver gettato cacca sulla juve anni fa quando veniva eclissato da del piero a cui non poteva allacciare gli scarpini, che non manda giù che si perdano punti al verona dopo essere andati in doppio vantaggio prendendi due gol di merda con una difesa da 300mila euro mensili cadauno.. Tu credi di avere diritto a mandare a quel paese gente che crede che la Juventus sia sangue che scorre.

    • Emiliano Lemma says

      E cosa si doveva fare, trattenere Del Piero ancora 10 anni (tra l’altro, consentendogli di fare il padrone assoluto decidendo l’andamento della squadra sulla base del fatto che lui fosse titolare o meno…), oppure aspettare Messi per potergli dare la maglia n° 10?
      Tevez è un buon giocatore, fa molti gol e, soprattutto, non molla niente, dimostrando ampiamente di essere un giocatore della Juve.
      Nessuno è contento per le eliminazioni dell’Europa, nè dei pochi soldi che girano, però sono contento di avere alle spalle una proprietà e una dirigenza che sanno cosa significhi il calcio moderno. E un allenatore che è gobbo nell’animo.
      Se poi Lei pensa che debbano essere gli Elkann a tirare fuori 100 milioni l’anno per fare una grande squadra allora la invito a guardare cosa sta succedendo a chi ha sempre fatto così. Ci sono due squadre a 120 km da Torino che ora son messe come son messe. Il calcio moderno è altra cosa, prima imparate ad accettarlo prima apprezzerete quello che avete.
      Saluti

Rispondi a nicocristofaro@alice.it Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>