I Faziosi #68: Il tempo è galantuomo

Puntata #68 de i Faziosi. Si parla della crisi del Toro e, in particolare, delle dichiarazioni di Cairo e Ventura, dei fischi dell’Olimpico, delle scelte sbagliate di mercato, di Sanchez Mino e i rigoristi dei granata, di Masiello, Amauri e, soprattutto, del derby di domenica prossima. Per la Juve, si parla delle parole di Andrea Agnelli su calciopoli e dell’intervista di Moggi da Varriale; della gara di Champions, dell’assenza delle vedove di Conte.

Download della puntata

Una recensione su iTunes è gradita e sollecitata! Partite da questo link:

I Faziosi iTunes

In Studio:

circleemiliano circleemiliano circleemiliano
Emiliano Lemma Omar Cecchelani Fulvia Poggi

 

Il podcast si può ascoltare, oltre che sul sito de I Faziosi, anche con le seguenti modalità:

iconaappstore iconagoogle iconadownload iconafeed

 

Se volete contattarci e inviare domande che verranno lette in diretta, scrivi un’email a:

info@faziosi.it

o seguiteci su Twitter: @IFaziosi

Arriverderci alla prossima settimana!

 

 

Comments

  1. karabosca says

    Ho ascoltato la puntata e mi tocca tirare le orecchie al conduttore.
    Le telefonate di Moggi (e degli altri presidenti ecc) con i dirigenti arbitrali non sono per nulla contro il regolamento. Anzi al processo avevano prodotto una circolare federale che caldeggiava un rapporto piu’ diretto tra societa’ e designatori.
    Quello che e’ sensa se e senza ma contro il regolamento e’ la chiamata ad arbitri in attivita’. Ma di queste intercettazioni con moggi non ce ne sono proprio (al max vengono attribuite m a non ci sono intercattazioni reali), al contrario di quelle di qualche altro presidente che parlava e aveva rapporti diretti con almeno 2 arbitri in attivita’.

    E’ una differenza sostanziale ed e’ un peccato che un podcast cmq ben fatto cada in queste topiche.

    • Emiliano Lemma says

      Sì, mi sono reso conto anche io di aver detto una cosa non del tutto esatta. Quel che intendevo è che comunque si cercava, in qualche modo, di fare pressione sui designatori. Ma, soprattutto, la colpa grave da parte della Juventus è quella di aver rinunciato a difendersi. Questo è grave e ci mette in imbarazzo, nonostante tutto quel che è venuto e sta venendo fuori.

Rispondi a karabosca Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>