Hanno creato un mostro. Manifesto gobbo

In queste prime settimane del 2015 abbiamo assistito a una serie piuttosto lunga di incidenti arbitrali vari, molti dei quali riguardanti questioni di natura millimetrica e quindi assolutamente trascurabili visto che chiunque abbia almeno una volta nella vita calzato 2 scarpini da calcio si renderà conto che vedere pochi cm in un’azione in velocità é cosa difficilissima, tanto più valutando le immagini televisive (vi rimando a questo articolo interessantissimo,  da far leggere a chi vorrebbe convincerci che la moviola in campo sarebbe la panacea di tutti i mali).

Gli episodi hanno favorito un po tutte le grandi squadre (come sempre).

Come al solito sono partiti i distinguo: tifosi raglianti(che scuso, sono faziosi, come me, come tutti) e “giornalisti” di professione ma in realtà cialtroni ignoranti e in malafede che hanno sostenuto che la Juve ruba, un fuorigioco non visto che favorisce la Juve é un furto, se invece favorisce qualcun altro “ci può stare”.

Hanno parlato con facce da culo antologiche di statistiche e cazzate varie.

Già digerisco a fatica i giornalisti faziosi di sponda bianconera quando sostengono ciecamente le proprie teorie senza ragionare, figuratevi quelli di altre squadre (9 volte su 10 anche antijuventini) il cui unico interesse é dare a bere quante più fregnacce possibile ai loro lettori/ascoltatori/adepti con la pretesa ridicola di passare pure per obiettivi.

Sappiate che con queste persone non ho nessun interesse di perdere tempo: sono in malafede e ignoranti come capre, parlano tanto e male di cose che non conoscono e non vogliono conoscere e ripetono a memoria cazzate lette in giro qua e là.

Non ho alcun interesse a confrontarmi con questi personaggi ne tantomeno a confutare le loro teorie più assurde perché chi é in malafede o ignorante merita un solo trattamento: la presa per il culo a oltranza.

Perciò non mi interessa entrare nello specifico degli episodi che dicevo prima, ma ogni volta, e ogni volta di più, mi colpisce la reazione in rete da parte dei tifosi juventini, tifosi come me che senza avere la pretesa divina di essere superpartes raccontano un’altra storia e sbugiardano sempre questi soloni, talvolta dimostrandosi dei rompipalle da competizione che anch’io, dall’altro lato della barricata, maledirei giorno e notte per la loro insistenza.
E’ nato un mostro, e lo hanno creato nel 2006, quando in tantissimi hanno cominciato a informarsi, a non fidarsi più di quello che veniva scritto nei quotidiani sportivi, “nella bibbia dello sportivo”, la carta rosa che molto spesso ha gettato gratuitamente fango sulla Juve e i suoi tifosi oppure nel giornalino di Roma che ha deciso di diventare una fanzine della seconda squadra della capitale.

Negli ultimi 8 anni sono nati moltissimi siti, come questo, oppure ju29ro, juventibus, tifosibianconeri.com, juveatrestelle, juvecolpapillon, vecchiasignora.com, GLMDJ (si quelli querelati dalla Juventus FC….) e tanti altri che adesso non ricordo.
Hanno creato un mostro, un mostro con tante teste pensanti: gente animata solo dalla passione pronta a confrontare e controllare tutto quello che viene detto e scritto, perché la credibilità di molti organi di stampa é prossima allo zero.

mauromeoCosì quando De Laurentiis blatera di Tagliavento incompetente o in malafede ecco che subito qualcuno (nella circostanza @mau_romeo) ci ricorda di come lo stesso arbitro abbia favorito poco prima il Napoli regalandogli un rigore contro la Sampdoria a Genova per fallo fuori area.

O al “ci può stare” di Benitez ci siamo ricordati subito della finale di coppa italia del 2012, con rigore netto negato a Marchiso sullo 0-0 (a parti invertite sarebbe finita con un’altra premiazione saltata…) o i tuffi di Lavezzi e Zalayeta di qualche anno fa.

Quando si grida al “rigore per la Juve” ecco che scattano le tabelle, semplici raccolte di numeri che dimostrano come siano altre squadre a godere sistematicamente di molti più rigori.

E così via (potrei citare tantissimi altri episodi): ogni notizia viene filtrata per verificarne la correttezza e la veridicità, perché la credibilità certi organi di stampa l’hanno persa da un pezzo.
Col loro comportamento negli anni, fino al culmine del 2006, hanno creato un mostro, un bellissimo mostro di cui ognuno di noi fa parte, e dobbiamo farne parte con orgoglio e con la voglia di non farci fregare di nuovo, da chicchessia, compreso chi va in tribunale a chiedere la B per il proprio assistito.

Purtroppo per i giornalisti sportivi (ovviamente c’è qualche rara eccezione) è finita la pacchia, devono prestare attenzione, altrimenti fanno la fine di Sky che dopo il derby di ritorno Juve Toro (quello del rigore non fischiato di Pirlo su El Kaddouri) si dimenticò casualmente di far vedere un altro episodio analogo ma ad aree invertite (anche là rigore netto per trattenuta di Glick su Llorente).

Andò a finire che a forza di ricevere migliaia di mail di protesta si sentirono obbligati a chiedere scusa, perché in fondo anche solo per un mero dato statistico qualche juventino da non prendere per il culo fino in fondo tra i loro abbonati ci sarà stato, no?

Appunto, hanno creato un mostro, attento, puntiglioso e rompipalle.

Hanno creato un mostro e cominciano a capirlo, ma quello che ancora non sanno è che questo è solo l’inizio.

Comments

  1. mrfeel says

    Articolo bellissimo e ben scritto, poi mi trovi in totale accordo con ciò che hai scritto.
    All’epoca dei fatti ero troppo piccolo per rendermi conto dello schifo che c’era dietro, di come il 90% delle accuse fossero campate in aria e mi lasciai trascinare da ciò che leggevo o sentivo. Ma ero sicuro di una cosa: la Juve del 2006 era troppo forte per aver bisogno degli aiuti arbitrali.
    Oggi leggo di tutto e di più, riguardo replay di ogni match e soprattutto tutte fonti “indipendenti”, perché ormai della tv e dei giornalisti non mi fido più.
    So che si tratta di un atteggiamento difensivo, ma non si può fare altrimenti.
    La cosa più importante è essere a conoscenza dei fatti per non lasciarsi fregare dalle malelingue e dal comun sentire, e provo una sensazione fantastica quanto sbugiardo i vari antijuventini senza cervello.
    So di essere un mostro, ma solo così possiamo andare avanti in un mondo calcistico così duro per chi tifa Juve. Continua così.

  2. mrfeel says

    Articolo bellissimo e ben scritto, poi mi trovi in totale accordo con ciò che hai scritto.
    All’epoca dei fatti ero troppo piccolo per rendermi conto dello schifo che c’era dietro, di come il 90% delle accuse fossero campate in aria e mi lasciai trascinare da ciò che leggevo o sentivo. Ma ero sicuro di una cosa: la Juve del 2006 era troppo forte per aver bisogno degli aiuti arbitrali.
    Oggi leggo di tutto e di più, riguardo replay di ogni match e soprattutto tutte fonti “indipendenti”, perché ormai della tv e dei giornalisti non mi fido più.
    So che si tratta di un atteggiamento difensivo, ma non si può fare altrimenti.
    La cosa più importante è essere a conoscenza dei fatti per non lasciarsi fregare dalle malelingue e dal comun sentire, e provo una sensazione fantastica quanto sbugiardo i vari antijuventini senza cervello.
    So di essere un mostro, ma solo così possiamo andare avanti in un mondo calcistico così duro per chi tifa Juve. Continua così.

Rispondi a Rug Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>