Pagelle Atalanta – Torino 2-0. Non è solo sfortuna!

Il Torino esce sconfitto dalla seconda giornata di campionato, dimostrando tutti i limiti di una squadra costruita con scarti di altre compagini e giocatori non di categoria. Un Toro che non gioca neanche male per 50 minuti, sfiorando, nel primo tempo, per due volte il vantaggio con D’Ambrosio, il migliore dei granata e con la traversa di Darmian. Ventura sceglie di non confermare l’undici titolare della scorsa settimana con Basha al posto di Brighi infortunato, e lasciando sorprendentemente fuori Alessio Cerci preferendogli Larrondo.

yepea

Scelta quest’ultima che non sembra dar ragione al mister, infatti la “punta” argentina tocca pochi palloni, si fa sempre trovare impreparato e sbaglia clamorosamente un goal facile facile. D’altra parte non si può pretendere che un giocatore che fa 10 goal in 4 anni, diventi improvvisamente un buon giocatore solo perchè veste il granata.

Il secondo tempo si apre con un’occasionissima per Larrondo che fa gridare al goal i tifosi del Toro a Bergamo, ma con l’Atalanta più intraprendente che prova ad impensierire Padelli, che capitola al 57′ grazie al goal di Stendardo, che approffitta di un’azione in mischia, viziata da una posizione di netto fuorigioco di Yepes che disturba il portiere granata.

Ventura inserisce subito Cerci al posto di Glik anche oggi non in palla, e prova a dar maggior peso ad un attacco in cui anche Immobile sembra il gemello brutto di quello visto a Torino col Sassuolo, toccando pochissimi palloni, nascondendosi dietro ai difensori avversari, non trovando mai lo spazio per inserirsi ed essere pericoloso. Il ruolo di prima punta a mio avviso gli si addice poco e lo dimostra il tiraccio alle stelle fatto dopo la traversa di El Kaddouri.

All’81′ l’Atalanta raddoppia con Lucchini, abile a girare in porta un calcio d’angolo viziato da un contropiede dei nerazzurri, partito da un fallo non fischiato a Cerci. Il Toro capitola, e il nervosismo prende il sopravvento, con Ventura espulso nel finale per proteste dal non perfetto arbitro Bergonzi.

A fine gara Ventura si manifesta comunque ottimista, sostenendo che il Torino abbia perso solo per sfortuna, dominando la gara senza essere cinico. E’ difficile capire come il mister possa essere ottimista dopo una partita del genere, perchè se è vero che gli episodi non hanno certamente favorito i granata, la gara di stasera ha evidenziato per l’ennesima volta che al Toro manchi troppo per potersi salvare. Vives da regista, stasera è stato inesistente, senza idee e in ritardo quando ha dovuto difendere. La difesa troppo spesso in difficoltà con Moretti, Glik e Rodriguez autori di una prestazione notevolmente sottotono. Un portiere che non da sicurezza ad una difesa già di per se in difficoltà e un attacco senza una prima punta, perchè Immobile non è, e non può fare quel ruolo e oltre a Cerci il reparto offensivo è da serie B.

Con questi presupposti, a mio avviso assisteremo a molte partite come quella di stasera e recrimineremo spesso e volentieri contro la sfortuna e contro gli arbitri. Non capisco di cosa si possa essere ottimisti stasera, forse l’unica nota positiva è che mancano 24 ore al temine del calciomercato e qualcosa si può ancora fare.

 

 

PADELLI 5,5: Non è colpevole sui goal, ma da un portiere di serie A ci si aspetta maggior personalità e sicurezza che deve infondere alla difesa. Non è sicuro lui e non può darla al reparto.

DARMIAN 6,5: è uno dei migliori oggi, corre sulla fascia avanti e indietro creando anche la superiorità numerica, sbagliando pochissimo e sfiorando anche la rete nel primo tempo.

GLIK 5,5: la fascia di capitano sembra aver appannato il difensore polacco che con la difesa schierata in questo modo da Ventura si trova spesso in ritardo e in difficoltà. Viene sostituito da Ventura nel secondo tempo col Toro sotto di un goal. Dal 12′ st CERCI 6: è l’unico giocatore in questa squadra in grado di fare la differenza e lo dimostra creando da solo, in mezz’ora, più di quanto fatto dal resto del reparto in 90′.

RODRIGUEZ 5,5: si perde Stendardo che va a segnare il goal del vantaggio atalantino. Lotta con Denis per 90′ ma non sempre riesce ad arginarlo. Non al meglio.

MORETTI 5,5: paga lo scotto di tutto un reparto difensivo sempre in affanno le poche volte che l’Atalanta ha spinto. Male anche lui come i suoi compagni di reparto

D’AMBROSIO 7: in quella che potrebbe essere l’ultima partita in granata, visto l’arrivo di Pasquale, il napoletano non giocando dalla sua parte è protagonista di un’ottima prestazione, senza errori e sbavature, sfiorando il goal negatogli da un miracolo di Consigli.

BASHA 5: evanescente, si vede poco e fa quasi nulla. Prova a svolgere soltanto la normale amministrazione e pure quella gli riesce male. Dal 36′ st FARNERUD sv.

VIVES 5: il migliore contro il Sassuolo diventa uno dei peggiori questa sera, dove scompare in fase di costruzione e fatica in fase difensiva.

EL KADDOURI 6: ci prova, corre, ma tanto fumo e poco arrosto. Sciupa un contropiede micidiale nel primo tempo, dimostrando i suoi limiti ed è sfortunato su punizione, colpendo la traversa nel secondo tempo

LARRONDO 4: tocca pochissimi palloni e a parte qualche sponda, quelli che calcia verso lo specchio li cicca clamorosamente. Non è un attaccante da serie A. Dal 43′ st MEGGIORINI sv.

IMMOBILE 5: si impegna molto ma non combina nulla di buono. La serie A è difficile e se ne sta rendendo conto.

All. VENTURA 5: schiera Larrondo al posto di Cerci mischiando come sempre le carte in tavola senza fortuna. Insiste con Vives al posto di Bellomo e questa volta la scelta non porta i risultati di sette giorni fa.

BERGONZI 4: poco fortunato con il Torino, sbaglia di tutto specialmente in occasione dei due goal. E’ assurdo non annullare il primo goal con Yepes a contatto con Padelli qualche metro al di la di tutta la linea difensiva avversaria. Dov’era il guardalinee? Dove guardava il giudice di porta? Dove aveva lo sguardo rivolto Bergonzi? Mah… Non vede il fallo su Cerci in occasione della ripartenza che ha portato al raddoppio i nerazzurri.

 

Comments

  1. Lollo says

    Guarda che cerci è partito dalla panchina per problemi fisici. Inoltre abbiamo dominato e creato più azioni offensive

  2. Omar Cecchelani says

    Dominato? Evidentemente abbiamo due visioni diverse del verbo “dominare”! Quando dico che la rosa è scarna mi riferisco proprio a questo, Cerci acciaccato e chi abbiamo da mettere dentro? Grande scelta tra Larrondo, Meggiorini e chi altro? Era cosi necessario far fuori Bianchi come un vecchio inutile? In tutto questo Ventura c’entra forse qualcosa?

Rispondi a Omar Cecchelani Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>